Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Regalo di Natale

Oggi mi faccio un regalo di Natale. Annuncio che l’ecommerce di La Feltrinelli è finalmente aperto al pubblico. Non sono mai stato superstizioso (ho fondato Sinapsi di venerdi 17), ma cauto si. Quando con Sinapsi e OpenMind vincemmo la gara per la realizzazione dell’ecommerce di La Feltrinelli, decidemmo di non prendere alcuna iniziativa di comunicazione. I tempi erano strettissimi e il lavoro da fare moltissimo. Ragioni più che sufficienti per comportarsi come Trapattoni: non dire gatto se non ce l’hai nel sacco. Non è stata scaramanzia, ma semplice prudenza. Ma adesso posso dirlo. Ci siamo riusciti, con molta fatica, ma ci siamo riusciti. Ma cosa ha di particolare l’ecommerce di La Feltrinelli?

Per il momento cito una sola particolarità. E’ stato realizzato interamente con pacchetti open source per piattaforma java. Si va dal content management system magnolia, all’orchestratore mule, passando da spring, da hibernate e altre amenità del genere, il tutto ospitato sul mai abbastanza riverito apache tomcat. Inutile dire che  i sistemi operativi sono gnu/linux. Avete presente quando si parla di riduzioni dei costi di licenza d’uso? Eccovi serviti. E’ nei progetti di medie e grandi dimensioni che l’impatto dell’open source sui costi zittisce tutti i soloni che si ostinano a citare gli studi sui TCO e sui quadranti magici dei prezzolati analisti di mercato. CIO della Pubblica Amministrazione e delle grandi imprese dove siete? Anybody home?  Non ostinatevi a comprare costosissime licenze proprietarie per oltre 5 miliardi all’anno che alimentano, se va bene, i laboratori R&D delle imprese straniere. Copritevi il capo di cenere e imparate a spendere meno e meglio. Imparate a rendere competitivi i vostri servizi digitali utilizzando l’open source. Cosa credete che faccia Google? E voi pensate di essere più furbi di loro? E poi ve ne dico un’altra, tanto grossa quanto vera. Il 10% di zero è zero. Qualsiasi percentuale di zero è zero. Chi ha orecchie per intendere in tenda, tutti gli altri in roulotte (è una battuta del liceo, ossia di 30 anni fa, ma rimane buona). E fareste anche un buon servizio al vostro paese, perché questa è anche politica industriale. Si formano persone che hanno conoscenza nell’era della conoscenza. Si aiutano le piccole imprese dell’ICT a crescere di dimensioni sul mercato locale per poi provare a fare il salto sui mercati internazionali. Ma lo sapete che i costi del lavoro intellettuale in Italia sono i più bassi d’Europa? E voi fareste anche l’outsourcing di Babbo Natale in India? L’India siamo noi. 

Qualche altra cosa la racconterò più avanti. E’ pur sempre Natale anche per me.